lunedì, settembre 25, 2006

Elisir di sfogo amaro


Queste sono le mie prime sfornate di blog,
mi sono accorta che desideravo tanto dare un'impronta meridionale alle mie pagine, si, perchè io mi sento del sud, a sud sono nata, a sud vivo e se mai nella mia vita mi trasferirò, sarà per andare ancora più a sud!!!
Il problema del trasloco, per noi, la famiglia Mblemble, forzatamente costretta alla convivenza con 4 cani extra, in questi giorni si pone davvero. L'OMM fatica poco, a me sta per scadere per l'ennesima volta l'ennesima assunzione a termine, i cinque cuccioli stanno diventando ingombranti. Insomma è davvero arrivato il momento di andare via da Napoli, per questioni pratiche ovviamente, ma anche per questioni puramente ideologiche o, meno aggressivamente, di "scelta di stile di vita". Napoli è troppo fetente per noi!
Perchè non dirlo, vivo a Napoli dal 1996 e ogni volta che vado via da Napoli per qualche giorno, a volte anche solo per qualche ora, mi accorgo quanto Napoli sia una città decadente, non per sua natura, ma per colpa di quanti la abitano!!!
Non raccontate più balle napoletani (non tutti, ma comunque troppi), ORMAI NON CREDO PIU' ALLA FAVOLA DELLO STATO ASSENTE....E' COLPA DELLE PERSONE!!!!
Perchè? Perchè davanti alle campane per la raccolta differenziata, dove io come un'imbecille differenzio, trovo chili di spazzatura organica e il cassonetto per questo tipo di rifiuti sta lì accanto, perchè buttate tutto a terra senza remore e la città è pulita solo all'alba, quando incontro lo spazzino che pulisce chili di porcherie disseminate dai "civili" durante il giorno, perchè mangiate sulla spiaggia e la lasciate ricoperta della vostra spazzatura, ci sguazzate dentro e vi piace così! Insomma, io sono Calabrese e il problema dello stato assente ce l'ho dalla nascita, però non mi piace essere incivile, non mi appartiene e in Calabria ci sono discariche abusive, ospedali fetenti, scuole pubbliche poverissime, l'autostradadelsoleincostruzionedamillenni! Questo è lo stato assente, quello che si ruba i soldi, però le spiagge pubbliche i cittadini le lasciano pulite, non si butta tutto per strada, la gente pulita è pulita.
Per cui Napoli, credo che, mio malgrado e malgrado il tuo innato splendore, saremo costretti a salutarti, a cercare una casa in un posto più pulito, dove la gente sia più civile.
Si dice che il Sud sia tutto fetente....speriamo di no!

PS: Per gustare lo "SFOGO AMARO" vi consiglio di consumarlo con i famosi "BISCOTTI ALL'AMARENA" tipici di Napoli. Di questi purtroppo non possiedo la ricetta, poichè al contrario dei costumi locali, per prepararli non si butta niente: si narra che il pasticciere conservi gli avanzi di impasto dei vari dolci che prepara, amalgama tutto per ricavarne un impasto unico e straordinario usato appunto come base dei biscotti farcendolo poi con amarene.

3 Comments:

Anonymous Anonimo said...

E sono io:stupito e ammaliato da tanta dolcezza.E sono sempre io,uno che ha noleggiato"La sposa turca"e che non ha capito bene ancora per quale motivo;ma sentivo che avrei dovuto vederlo.I legami più belli,a volte,passano da qualche città ignota,nella quale senti che non ci andrai mai...Ma tra le vie di Istambul ci ero stato questo inverno:mi ci ha condotto con grazia e malinconia uno che di cognome fa Montalban...
Bellissimo Blog.Brava MblèMblè...Io ti conosco.E tu lo sai.

8:14 PM  
Anonymous Anonimo said...

Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

8:16 PM  
Blogger adelina said...

....di Istanbul ne voglio ancora, ancora e ancora. Mi daresti il titolo del libro?

5:41 PM  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home